Per poter ridelineare uno stemma rispettandone le forme, i colori e gli smalti, ci si avvale di opere che riportano, oltre alla blasonatura (descrizione araldica dello stemma), la rappresentazione grafica dello stesso al tratteggio, o meglio ancora, rappresentati con il metodo “Pietrasanta”. Diconsi tratteggi, quelle linee o punti che contrassegnano gli smalti e i colori nelle stampe, nei disegni e sui marmi. E’ difficile precisare l’epoca in cui si fece conoscere un trovato per l'arte araldica così utile, dacché senza introdurre nell'arme cifre o segni che ne potevano cangiare la configurazione e falsarne l'esattezza, questi tratteggi servono a far distinguere al primo sguardo tutta la disposizione degli smalti e dei colori di un’arma, ed anzi, la rendono più elegante colle loro diverse sfumature. La maggior parte degli araldisti, sono d'accordo a riferirne autore Silvestro Pietrasanta, essendo egli stato il primo trattatista celebre e più conosciuto che si servì dei tratteggi nel suo libro “Tesserae gentilitiae” stampato nell’anno 1638. Ancor oggi, tutti gli stemmi al tratto si definiscono “rappresentati con il metodo Pietrasanta”. Andiamo a rappresentare qui di seguito i colori e gli smalti principali.


Inserire il Cognome:

ARALDICA
L'oro simbolo del sole, in araldica significa: fede clemenza, giustizia, felicità e amore. Graficamente si rappresenta con dei puntini. L'altro smalto, l'argento, si lascia su fondo bianco
ARALDICA
In araldica il rosso è il più stimato dei colori e significa: amore ardente verso Dio, nobiltà cospicua e coraggio. Graficamente si rappresenta con delle linee poste verticalmente
ARALDICA
L'azzurro è il colore turchino che richiama il cielo ed il mare. In araldica significa: devozione, fedeltà, ricchezza. Graficamente si rappresenta con delle linee poste orizzontalmente
ARALDICA
Il verde richiama la terra verdeggiante, in araldica significa: amore, amicizia, onore e vittoria. Graficamente si rappresenta con delle linee poste diagonalmente dalla destra alla sinistra dello scudo
ARALDICA
Il porpora in araldica significa: grandezza, ricompensa d'onore. Graficamente si rappresenta con delle linee poste diagonalmente dalla sinistra alla destra dello scudo
ARALDICA
Il nero è il meno nobile dei colori per la sua somiglianza con le tenebre. Nei tornei era simbolo di tristezza. Graficamente si rappresenta con delle linee orizzontali e verticali
 
Sezione Ricerche I Nostri Partners Il Tuo Albero Genealogico Al Costanzo Show Chi Siamo Pagamenti e Spedizioni Come Contattarci Home Page Home Page Sezione Ricerche I Nostri Partners Il Tuo Albero Genealogico Al Costanzo Show Chi Siamo Pagamenti e Spedizioni Come Contattarci