SCUDI AL TRATTO

ARALDICA
linea
linea bassa

Per poter ridelineare uno stemma, rispettandone le forme, gli smalti (colori) ed i metalli, ci si avvale di opere che riportano, oltre alla blasonatura (descrizione araldica dello stemma), la rappresentazione grafica dello stesso al tratteggio, o meglio ancora, rappresentati con il metodo “Pietrasanta”.  Diconsi tratteggi, quelle linee o punti che contrassegnano gli smalti ed i metalli nelle stampe, nei disegni e sui marmi. E’ difficile precisare l’epoca in cui si fece conoscere un trovato per l’arte araldica così utile, dacché senza introdurre nell’arme cifre o segni che ne potevano cangiare la configurazione e falsarne l’esattezza, questi tratteggi servono a far distinguere al primo sguardo tutta la disposizione degli smalti e dei metalli di uno stemma, ed anzi, lo rendono più elegante colle loro diverse sfumature. La maggior parte degli araldisti, sono d’accordo a riferirne autore Silvestro Pietrasanta, essendo egli stato il primo trattatista celebre e più conosciuto che si servì dei tratteggi nel suo libro “Tesserae gentilitiae” stampato nell’anno 1638. Ancor oggi, tutti gli stemmi al tratto si definiscono “rappresentati con il metodo Pietrasanta”. Andiamo a rappresentare qui di seguito i metalli e gli smalti principali.

linea
ARALDICA
L’oro simbolo del sole, in araldica significa: fede clemenza, giustizia, felicità e amore. Graficamente si rappresenta con dei puntini. L’altro smalto, l’argento, si lascia su fondo bianco
Scudo Oro
ARALDICA

In araldica l’argento è il secondo metallo dell’Arme, dopo l’oro. Come l’oro rappresenta fra i pianeti il sole, così l’argento rappresenta la Luna.

Scudo Argento
ARALDICA
L’azzurro è il colore turchino che richiama il cielo ed il mare. In araldica significa: devozione, fedeltà, ricchezza. Graficamente si rappresenta con delle linee poste orizzontalmente
Scudo Azzurro
linea bassa
ARALDICA
In araldica il rosso è il più stimato dei colori e significa: amore ardente verso Dio, nobiltà cospicua e coraggio. Graficamente si rappresenta con delle linee poste verticalmente
Scudo Rosso
ARALDICA
Il verde richiama la terra verdeggiante, in araldica significa: amore, amicizia, onore e vittoria. Graficamente si rappresenta con delle linee diagonali dalla destra alla sinistra dello scudo
Scudo Verde

ARALDICA
Il Porpora in Araldica rappresenta la terra che fiorisce per la purità della sua luce e significa. Graficamente si rappresenta con delle linee diagonali dalla sinistra alla destra dello scudo

Scudo Porpora
linea
ARALDICA
Il nero è il meno nobile dei colori, rassomigliante alle tenebre, mentre gli altri più si accostano alla luce. Il nero simboleggia: fermezza, costanza, vittoria saviezza, prudenza, onestà, fede.
Scudo Nero
ARALDICA
Vaio è un termine utilizzato in araldica per indicare la pelliccia araldica di quattro file di pezze accampanate ed alternate di argento e di azzurro. Il vaio conta tanto metallo quanto colore.
Scudo Vaio
ARALDICA
Ermellino è questo un piccolo animale dal pelo bianchissimo e prezioso e dalla coda nera. Sulla sua pelle si dispongono simmetricamente le code nere così come si usava un tempo foderare i mantelli.
Scudo Ermellino
linea bassa
linea